top of page
Foto Workshop.jpg

L'ORGANO COME MACCHINA DEI SUONI

ITA

con Giulio Tosti 

Luogo: Chiesa della Madonna di Fatima, via Città di Alba 32, Pinerolo 

Orario da definire

Rivolto a organistǝ e tastieristǝ

 

L’organo a canne è considerato come una delle più interessanti e brillanti invenzioni che la cultura occidentale e la scienza abbiano concepito. L'etimologia del suo nome ("Organon" in greco si traduce come "strumento") suggerisce che esso, piuttosto che un semplice strumento musicale, possa essere associato al mondo delle macchine. 

L'organo è una somma di meccanismi, un oggetto che è di per sé diversi oggetti allo stesso tempo, una vera e propria orchestra d'aria. Al di là del repertorio tradizionale, le sfaccettature nascoste dei suoi meccanismi e registri possono essere essi stessi una grande fonte di ispirazione musicale. Tutti i suoi elementi, tra cui l’immutabilità del suo suono, sono ampiamente utilizzati nella musica di oggi e sono oggetto di studio e produzione di molti artisti. In particolare, la musica elettroacustica sta sempre più abbracciando questo strumento e le sue sfumature.

Il workshop si presenta come un'occasione speciale per esplorare, acquisire e utilizzare questi elementi, un laboratorio dove saranno proposti esercizi esplorativi e d’improvvisazione, individuali e collettivi. In particolare, l'aria e i suoi effetti all’interno delle canne saranno accuratamente analizzati e riutilizzati dai partecipanti per creare tessiture sonore non convenzionali.                                                                     

L'obiettivo del laboratorio, oltre all’esposizione ed acquisizione di tecniche estese da parte dei partecipanti, è soprattutto quello di stimolare l'idea che l'organo possa essere "altro" rispetto al modo tradizionale in cui è percepito, aprendo nuove porte di ispirazione e creazione.

Per iscriversi:

Mandare un’email a musicainprossimita@gmail.com con oggetto “L’organo come macchina dei suoni 

ENG

 

THE PIPE ORGAN as a sound machine 

with Giulio Tosti 

Location: Chiesa della Madonna di Fatima, via Città di Alba 32, Pinerolo 

Time to be defined

For pipe organ players and keyboard players

 

The pipe organ is considered to be one of the most interesting and brilliant inventions that western culture and science have conceived. The etymology of its name ('Organon' in Greek translates as 'instrument') suggests that it can be associated with the world of machines rather than a simple musical instrument. 

The pipe organ is therefore a sum of mechanisms, an object that is itself several objects at once, a veritable orchestra of air. Beyond the traditional repertoire, the hidden facets of its mechanisms and registers can themselves be a great source of musical inspiration. All its elements, including the immutability of its sound, are widely used in today's music and are the subject of study and production by many artists. In particular, electroacoustic music is increasingly embracing this instrument and its nuances.

The workshop presents itself as a special opportunity to explore, acquire and utilize these elements, a workshop where exploratory and improvisational exercises, both individual and collective, will be offered. In particular, air and its effects within the reeds will be carefully analyzed and reused by participants to create unconventional sound textures.                                                                     

The aim of the workshop, in addition to the participants' exposure and acquisition of extended techniques, is above all to stimulate the idea that pipe organ can be 'other' than the traditional way in which it is perceived, opening new doors of inspiration and creation.

 

To register:

Send an email to musicainprossimita@gmail.com with the subject line "L’organo come macchina dei suoni ". 

bottom of page